Cairese – Pietra Ligure 3-2

Home/mitragliate/Cairese – Pietra Ligure 3-2

Cairese – Pietra Ligure 3-2

GIRIBALDI 6.5
Senza alcun dubbio, quella di domenica è stata la miglior partita dell’anno da parte dell’estremo difensore gialloblù.
Compie alcune prodezze di alta caratura tecnica volando a destra e a manca nemmeno fosse un gatto che tenta di acchiappare il filo del gomitolo.
Sulle reti prese può recriminare sulla seconda rete quando si tuffa in leggero ritardo ma se la Cairese porta a casa i 3 punti grande parte del merito è suo.
L’UOMO GATTO
FERRARO 6.5
Nel primo tempo, complice un terreno di gioco insidioso, scivola diverse volte confondendo il calcio con il motard e patendo anche il confronto con Rovere.
Nella ripresa invece tira fuori tutto il cuore e la grinta riconosciutogli e si riprende.
Per la cronaca il terzino ha giocato con un leggero stiramento
GARIBALDI
COCITO 6.5
Se questo gol non vuole arrivare nemmeno sotto tortura medievale, in fase difensiva non si può solo che elogiare il suo operato.
Annulla , soprattutto nel primo tempo, un attaccante di rango come Zunino facendogli mangiare, condita con olio e aceto, la poca erba rimasta del Rizzo.
BONDUELLE
OLIVIERI 7
Dopo alcune partite trascorse in panchina, torna tra i titolari giocando una partita tenace senza sbavature annichilendo in alcuni casi i giocatori offensivi avversari.
Con l’inferiorità numerica patisce, come tutti i suoi compagni, ma con la consapevolezza che su di lui si può cantare.
THE WALL
PIZZOLATO 6.5
Siamo certi che la sua espulsione, avvenuta al 90’, sia la più grottesca della storia del giuoco del calcio.
Espulso perché entrato senza autorizzazione del direttore di gara quando la stessa giacchetta nera, pochi secondi prima, gli aveva dato l’autorizzazione per rientrare sul terreno di gioco.
Per il resto la solita partita tutta cuore e muscoli adatti soprattutto ad un terreno insidioso come quello del Rizzo.
ENTRO ANCH’IO! NO, TU NO!
SPOZIO 7
Su un terreno appesantito dalla pioggia, il talento e le qualità del capitano rimangono solide e ben piantate al terreno.
Riesce per tutta la partita a dirimere i nodi del centrocampo.
CAPITAN FINDUS
BALBO 6.5
La partita più bella dell’anno del centrocampista gialloblù è arrivata quando ha giocato centrale assieme a Spozio.
Distribuisce palloni ai suoi compagni come un postino che consegna lettere; cerca anche gloria personale senza però riuscirci.
POSTE ITALIANE
CANAPARO 8
Indubbiamente il migliore in campo domenica.
Galoppa sulla fascia come un cavallo il 2 luglio al Palio di Siena mandando così in confusione i suoi marcatori.
Gli è mancata solo la rete per poter dire che ha fatto una partita perfetta.
LA MEGLIO GIOVENTÙ
PANUCCI 7
Altro giovane che domenica si è messo in evidenza.
Trova dopo nemmeno un minuto la rete del vantaggio frutto di un infortunio tecnico del portiere ospite il quale ha voluto fare il regalo di compleanno in anticipo al buon Panucci.
Per il resto della partita, gioca a buoni ritmi considerando il pesante terreno di gioco.
PANUCCINHO
TORRA 5
non sarebbe stata nemmeno una partita malvagia da parte sua solo che al minuto 55, sul 3-0 per la Cairese, decide di interpretare Bud Spencer rifilando a gioco fermo al suo avversario una ginocchiata.
LO CHIAMAVANO TRINITÀ
DADDI 7.5
Anche per il bomber gialloblù (quota 20 reti) vale il discorso di Pizzolato ossia prende un’ammonizione grottesca da parte dell’arbitro perché ha esultato al gol del 2-0.
Mezzo voto in meno per il balletto (alquanto bizzarro) dopo il gol del 3-0.
Roberto Bolle ha fatto partite la querela nei suoi confronti.
TONY MANERO
GRABINSKI E REALINI 6
Entrano nel secondo tempo, ed anche in inferiorità numerica, cercando di tenere la palla il più lontano possibile dall’area gialloblù.
È soprattutto il secondo a sacrificarsi anche in fase difensiva mentre l’ex attaccante del Savona cerca soprattutto di perdere tempo in attacco.
I PERDITEMPO
PODESTÀ 6.5
In una situazione non facile porta a casa assieme ai suoi ragazzi tre punti importantissimi contro una diretta concorrente.
Esibisce il tipico aplomb inglese al momento dell’espulsuone di Torra rifilando un garontolo alla panchina fracassandola.
Ora, con chiodi e martello, andrà a ripararla.
BOB AGGIUSTATUTTO
By | 2017-02-21T18:28:27+00:00 febbraio 20th, 2017|mitragliate|0 Comments

About the Author:

Leave A Comment